Non hai trovato quello che cercavi?

CONTATTACI

    Ho letto e compreso la normativa sulla privacy

      La riviera dei fiori

      Imperia e la Riviera dei Fiori

      Iniziamo il nostro viaggio da Imperia, la città dalle due identità. Porto Maurizio, un borgo di pescatori che conserva la sua anima antica.
      Oneglia, coi suoi meravigliosi portici di Calata Cuneo sormontati da pittoresche abitazioni tipicamente liguri, è una zona densa di fascino, fulcro della movida imperiese.

      Non si può conoscere Imperia senza conoscere Villa Grock. Senza ombra di dubbio uno degli edifici più particolari e bizzarri che si possono trovare nella Riviera dei Fiori. L’architettura e le decorazioni, cariche di simbolismi esoterici e massoni, è un luogo magico avvolto nel mistero, che sempre ha affascinato bambini e non di ogni generazione.

      Street art a Imperia? Ebbene si. Passeggiando accanto al fiume Prino è possibile ammirare diversi murales che rappresentano un ottimo esempio di arte e una riqualificazione territoriale. Un museo all’aria aperta, culturalmente libero e davvero interessante.
      Nota soprattutto per la produzione e la commercializzazione secolare di olio d’oliva, Imperia è anche shopping sotto i portici di via Bonfante, passeggiate sui moli dei due porti, il museo dell’olivo e quello navale, le chiese, il duomo di San Maurizio, l’arte e il barocco, il mare e le “Vele d’epoca”, i ristoranti di pesce, le specialità gastronomiche e l’entroterra.
      Una gita curiosa? Quella attraverso gli antichi lavatoi, luoghi di ritrovo delle massaie di un tempo.

      Sanremo

      La città dei fiori e del celebre Festival di Sanremo, kermesse canora che dal 1951 porta grandi nomi dello spettacolo nella città ligure e sforna ogni anno giovani talenti con Area Sanremo.
      Passeggiando in bicicletta… Lunga complessivamente 24 chilometri e situata sul mare in mezzo alla natura, la pista ciclabile di Sanremo, o più correttamente del Parco Costiero della Riviera dei Fiori, è stata costruita sui resti di una linea ferroviaria che ha collegato i paesi del Ponente Ligure dal 1872 al 2001 ed è un vanto per la provincia di Imperia. Conosciuta per essere stata una linea ferroviaria di lusso che ha trasportato nel corso della sua storia molti nobili italiani e stranieri, è divenuta linea militare negli anni della Seconda Guerra Mondiale, per poi svolgere l’importante mansione di linea turistica durante gli anni del Boom economico e della repentina espansione del turismo di massa, anni in cui l’Italia vedeva la sua economia crescere giorno dopo giorno (chissà, forse anche grazie al turismo ed ai suoi spettacolari paesaggi).

      Un angolo di Liguria

      San Lorenzo al Mare è un piccolo borgo affacciato sul mare della Riviera di Ponente e, con le sue case colorate di pescatori, è la prima tappa della famosa pista ciclabile.
      Protetto dalle colline dei “Petachin” e “Ciambellin”, il borgo di San Lorenzo ha la forma di un’ancora e sembra volersi lanciare in acqua grazie anche all’omonimo rio che scorre verso il mare come un’arteria che vuole raggiungere il suo cuore: la spiaggia di San Lorenzo.
      La località ha ottenuto dalla FEE-Italia il conferimento della Bandiera Blu per la qualità delle sue spiagge e per la qualità dei servizi del porto turistico nel 2016.


      Ad ovest di San Lorenzo al Mare si trova la località Aregai nel comune di Cipressa, un angolo di Liguria dai profumi caratteristici della macchia mediterranea, attraversato anch’esso dalla pista ciclabile.
      Quest’area è una zona marina protetta (Sito di Importanza Comunitaria – SIC) dove è possibile ammirare sotto il pelo dell’acqua le praterie ondeggianti di posidonia oceanica e, per chi ha buon occhio, pazienza e fortuna, persino di scorgere qualche tursiope che salta o il soffio di una balenottera stagliarsi contro l’orizzonte, mentre i cormorani si asciugano sugli scogli.

      Non solo mare

      Al margine occidentale della Liguria, tra il confine francese e il basso Piemonte, nel 2007 viene istituito il Parco delle Alpi Liguri. Si estende per 6000 ettari ed interessa tre valli, ciascuna caratterizzata da flora e fauna specifiche. La biodiversità, la ricchezza di paesaggi unici, gli eventi legati alla cultura e alla tradizione dei suoi borghi, rendono questo parco naturale uno dei luoghi più belli ed interessanti d’Italia.
      Una gita sul Colle di Nava, da affrontare in estate alla ricerca della lavanda, rappresenta una scoperta interessante nel resto dell’anno grazie alle bellezze delle numerose fortificazioni dell’epoca sabauda.

      Sport e Natura

      Quelli all’aria aperta sono i più gettonati: bike, montan bike, trekking, nordic walking nell’immediato nostro entroterra, canoa, vela, snorkeling, windsurf, kite nel nostro splendido mare, golf, equitazione, tennis, nei club della nostra provincia.
      Vi aspettiamo.

      Abbiamo dimenticato qualcosa? Sicuramente sì. Sta a voi scoprirlo in questa terra fatta di tradizione e natura.

      Certificazione Energetica
      e Relazione di
      Regolarità Edilizia

      Lavora con noi

      Caricasa è sempre alla ricerca di figure professionali che possano contribuire con creatività, competenza ed entusiasmo.

      Continua

      Non hai trovato quello che cercavi?